Avete presente la sigla di Vikings? I Fever Ray annunciano il tour per il 2018

Avete presente la sigla di Vikings? I Fever Ray annunciano il tour per il 2018

Il gruppo scandivavo farà tappa a Milano il 20 febbraio 2018

Ricordo ancora come ho scoperto il progetto solista della cantante Karin Elisabeth Dreijer Andersson dei Knife. Era una fredda notte d’inverno ed un leggero stato febbrile insidiava il mio sonno. Trovare una posizione comoda sul letto diventava sempre più difficile tanto che l’unica soluzione parve quella di svegliarmi ed accendere la televisione. Non sono un amante della tv, oggi sicuramente avrei visitato un sito (troppo frastornato per un libro), ma in quel periodo (era il 2009) MTV di notte mandava i video dei gruppi più sperimentali e spesso diventava anche un momento di scoperta.

Così, appena accesa la tv mi apparve l’immagine di una ragazza che faceva una danza della pioggia su un trampolino di una villa (presumibilmente) Californiana sotto lo sguardo impaurito e curioso di un custode. Atmosfera stile Lynch di Mulholland Drive. La musica era una sorta di ambient elettronico con una voce distorta e disumanizzata. Su tutto emergeva il solo di un synth con sonorità tribale. Ricordo ancora il fascino che mi provocava questa visione quasi onirica e l’ansia di capire chi fosse il gruppo. Alla fine del video in sovraimpressione appare il nome a e fu quasi profetico: Fever Ray: raggio di febbre.

Era il 2009, avevo appena visto il video di When I Grow up tratto dall’album di debutto “Fever Ray”, un album notturno, una colonna sonora perfetta per un viaggio tra freddi boschi e fiordi scandinavi (non a caso la traccia di apertura If I Had a Heart è diventata la sigla della serie tv Vikings). In quell’anno la Andersson ha partecipato a qualche festival come Fever Ray e poi è tornata ad occuparsi dei Knife il suo progetto principale, praticamente sembrava finita così.

 

È invece pochi giorni fa una pubblicità su Spotify mi invitava ad ascoltare un nuovo brano dei Fever Ray. Pensavo si trattasse di un’anticipazione ed invece, con grande sorpresa, ho scoperto che era presente il nuovo album “Plunge”, apparso scaricabile senza essere molto annunciato, senza promozione, una strategia bizzarra che prevede la disponibilità degli album su supporto fisico solo da Gennaio.

Plunge è un bel lavoro, molto più simile all’ultimo periodo dei Knife che al primo Fever Ray. Pungente, a tratti disturbante e metallico. Consiglio vivamente l’ascolto. Ma la cosa più interessante è che insieme all’album apparso all’improvviso, sono state annunciate le date di un tour europeo che vedrà come unica data italiana Milano il 20 febbraio.

E ricordate che potete usare la nostra app Gogosound per trovare amici con cui condividere il viaggio e dividere le spese. La trovate gratis sia per Android che per iOS.

About The Author

admin

No Comments

Leave a Reply